Basta rompere! manuale di network marketing

basta-rompere

“Basta rompere!”, il manuale di Network Marketing per il networker professionista

Basta rompere!” non significa che per ottenere successo nella tua azienda “è sufficiente rompere”, cioè insistere oltremodo assillando il cliente, come insegnano alcune vecchie scuole di marketing.

Basta rompere!” significa che puoi ottenere successo con la tua attività anche “SENZA rompere”. Infatti il cliente non compra da te perché sei insistente, ma perché gli stai offrendo un servizio prezioso.

Continua a leggere Basta rompere! manuale di network marketing

Co2 nelle grandi città: la nostra responsabilità

Co2 nelle grandi città: la nostra responsabilità

Non avendo ancora figli, posso permettermi il lusso di NON AVERE l’automobile. L’anno scorso, tra l’altro, decisi di vendere anche la moto. Ragione per cui oggi mi muovo esclusivamente in bicicletta.

Vivo in una grande città come Milano e uso la bici per andare al lavoro, per fare la spesa, per ogni evenienza e per il tempo libero.

Ma veniamo al punto. Su internet esiste un sito che si chiama Lovetoride.net, dove è possibile registare tutte le proprie pedalate e verificare quanti chilometri si sono percorsi, quante calorie si sono bruciate e quanta anidride carbonica (Co2) NON si è prodotta.

Continua a leggere Co2 nelle grandi città: la nostra responsabilità

Strategia della Manipolazione di Massa – secondo N. Chomsky

manipolazione

Manipolazione di Massa

Avram Noam Chomsky (Filadelfia, 1928) è un linguista, filosofo, teorico della comunicazione e anarchico statunitense. Professore emerito di linguistica alla Massachusetts Institute of Technology, è riconosciuto come il fondatore della grammatica generativo-trasformazionale, spesso indicata come il più rilevante contributo alla linguista teorica del XX secolo.

Ma ciò che lo ha reso più famoso al vasto pubblico è sicuramente la sua analisi del ruolo dei mass media nelle democrazie occidentali, e di come i governi agiscano attraverso gli organi di informazione per manipolare l’opinione pubblica e arrivare ad ottenere il consenso della popolazione. Gli studi di Chomsky lo hanno portato a teorizzare, in dieci punti, quella che è da lui stesso definita la “Strategia della Manipolazione di Massa”:

Continua a leggere Strategia della Manipolazione di Massa – secondo N. Chomsky

Homo Metropolitanus e l’involuzione tecnologica

homo

Homo Metropolitanus vs Homo Conscium

L’Homo Metropolitanus vive in città. Si alza alle sette di mattina e mentre si reca in bagno per espletare i suoi bisogni fisiologici, ha già acceso lo smartphone e controllato i suoi 15 account social a cui è collegato.

Fa colazione, si lava, si veste e salta in macchina per recarsi al lavoro. Ascolta la radio nel traffico, imprecando contro gli altri automobilisti. Poi arriva in ufficio, dove trascorre le prossime otto ore della sua giornata chino davanti allo schermo di un pc, sotto le luci di una lampada al neon. L’Homo Metropolitanus sa rispondere a 150 mail al giorno, fare presentazioni in powerpoint, ed eseguire tutti gli ordini del suo capo senza chiedersi troppi perché.

Continua a leggere Homo Metropolitanus e l’involuzione tecnologica

Francesco Delpiano, l’ingegnere recordman del nuoto

francesco-delpiano

Intervista con Francesco Delpiano

Mi piace pensare alle persone diversamente abili come a coloro che con la metà delle risorse rispetto a un normodotato riescono a fare il doppio di quello che farebbe una comune persona. Francesco Delpiano è un amico, e me lo ha dimostrato in questa intervista.

«Ascolta, a me l’intervista sta bene, purché emerga un messaggio di speranza. Il tempo della rabbia e del dolore l’ho superato, ora ho altro da raccontare».

Quando lo contatto telefonicamente, Francesco Delpiano accoglie la mia richiesta con questa premessa. E quando pochi giorni più tardi lo incontro nella sua Parma, dopo una lunga chiacchierata seduti al tavolino di un bar, capisco che dietro quel suo desiderio c’è la forza di chi, di fronte al dramma che gli ha cambiato la vita, ha saputo riconoscere il “prima” e il “dopo”, e ricostruirsi una seconda vita anche quando il “dopo” gli aveva lasciato nulla del “prima”.

Continua a leggere Francesco Delpiano, l’ingegnere recordman del nuoto

Le domande giuste per un mondo migliore

domande-giuste

Le domande giuste per un mondo migliore

Se al posto di basare la nostra società sull’economia, la basassimo sull’ecologia, non ci chiederemmo: “Quanto fa la tua auto con un litro?” Ma ci chiederemmo: “Quanta CO2 produce la tua auto con un litro?”

Se al posto di guardare a ciò che ci divide, guardassimo a ciò che ci unisce, non ci chiederemmo: “Che differenza c’è tra Cristianesimo e Islam?” Ma ci chiederemmo: “Cosa accomuna l’amore predicato da Gesù con l’amore predicato da Maometto?”

Se al posto di vivere secondo la legge del più forte vivessimo secondo un principio di mutua collaborazione, non ci chiederemmo: “Come posso avere la meglio sul mio simile e avvantaggiarmi su di lui?” Ma ci chiederemmo: “Come potremmo fare qualcosa insieme al mio vicino, dividere le fatiche e avere entrambi profitto?”

Se al posto di pensare che tutto ci è dovuto, pensasissmo che siamo noi stessi artefici del nostro destino, non ci chiederemmo: “Cosa deve fare il mio Governo per me?” Ma ci chiederemmo: “Cosa posso fare io per il mio Paese?”.

Basterebbe solo cambiare le nostre domande per trovare le risposte a un mondo migliore.

Viaggio in bici tra Provenza e Alpi Marittime

viaggio-in-biciViaggio in bici tra Provenza e Alpi Marittime

Un viaggio in bici di 900 km in sette giorni tra mare (Mar Ligure) e montagna (Alpi Marittime). Quest’anno io e Gosia (la mia compagna di viaggio, nonché di vita) abbiamo optato per delle vacanze ecologiche ed economiche.

Ecologiche perché le abbiamo trascorse pedalando in mezzo alla natura, economiche perché pedalare non costa nulla, e poi perché abbiamo ridotto le nostre necessità ai bisogni essenziali, riscoprendoci così molto più liberi.

Continua a leggere Viaggio in bici tra Provenza e Alpi Marittime

Scrivere è… gli scrittori raccontano

scrivere-italo-calvino

Scrivere è…? Alcuni autori ci spiegano cosa significhi per loro la scrittura.

« Scrivere per comunicare, perché la scrittura è il modo in cui riesco a far passare delle cose attraverso di me, delle cose che magari vengono a me dalla cultura che mi circonda, dalla vita, dall’esperienza, dalla letteratura che mi ha preceduto, a cui do quel tanto di personale che hanno tutte le esperienze che passano attraverso una persona umana e poi tornano in circolazione. È per questo che scrivo. Per farmi strumento di qualcosa che è certamente più grande di me e che è il modo in cui gli uomini guardano, commentano, giudicano, esprimono il mondo: farlo passare attraverso di me e rimetterlo in circolazione. »
Italo Calvino, scrittore

Continua a leggere Scrivere è… gli scrittori raccontano